Lions Club Genova Ducale
   
   


Dipinto su tela
"Magia del sole"
di Elettra Spalla Pizzorno

Il motto :
Determinazione per Riuscire...

Opera Giosuè Signori"
Genova Prà.

RISTRUTTURAZIONE DELLA CAPPELLA.


IL QUINTO  ANNO 1997/1998



Presidente Sergio Pettinati
Governatore Umberto De Paoli

 Past Presidente Teso Aldo
V. Presidente Grimaldi Gianfranco
Segretario Baldizzone Manlio
Tesoriere Giulietti Fausto
Cerimoniere Venturino Riccardo
Censore Zanetti Roberto
Consigliere Benvenuti Paolo
Consigliere Oikonomoj Giorgio
Consigliere Toso Enrico

IL SERVICE
Le Suore della Carità di Madre Teresa di Calcutta, che hanno la sede in Prà, Via Poma, 2, avevano già avuto l’attenzione del Ducale quando, con la Presidenza Borlandi, fu loro dedicato il service principale del suo anno.
Ora il Presidente Pettinati, nel solco già tracciato dall’amico Borlandi, ha voluto rivolgere l’attenzione del Ducale verso queste benefiche suorine. In una visita all’istituto ha potuto riscontrare che la cappella della sede aveva bisogno di consistenti opere di ristrutturazione.
Fu così che il Presidente ne parlò in Consiglio e poi portò l’dea in Assemblea che, trovatala, meritevole di accoglienza la approvò.
Al termine dei consistenti lavori, la sera del 27 Marzo 1998, alle ore 19, si è svolta la cerimonia inaugurale alla presenza di tutti i soci del Club, di numerosi ospiti e personalità. 
Dopo la Santa Messa, celebrata dal Vescovo Ausiliare, Monsignore Alberto Tanasini, e la benedizione, tutti i presenti sono stati ospiti del Parroco Don Giorgio, che, in chiusura, ha offerto a tutti il rinomato basilico di Prà.

ASSEMBLEA DI APERTURA Il 19 Settembre 1997
L’assemblea è stata convocata, a Villa Spinola, e, dopo la cena, il Presidente ha dato il benvenuto a tutti i soci ed ha comunicato l’avvenuto trasferimento al nostro Club del socio Prof. Dr. Paolo Michele Erede dal Lions Club Genova i Dogi.
Successivamente il Presidente ha illustrato brevemente il contenuto di un fascicolo di lavoro, precedentemente distribuito, riguardante: l’elenco delle materie da trattare; l’organigramma del Club; la composizione dei Comitati; l’organizzazione distrettuale ed il previsto programma di massima.
Nella sua esposizione Pettinati ha accennato ai services relativi alla sistemazione della cappella delle Suore della Carità di Madre Maria Teresa di Calcutta, all’Opera Giosuè Signori ed ai soliti aiuti di istituzionali.
Dopo l’intervento di alcuni dei presenti che hanno chiesto ed ottenuto spiegazioni e delucidazioni sugli argomenti trattati, l’Assemblea ha approvato le proposte del Presidente.
Infine, letto ed illustrato dal Tesoriere, il Bilancio preventivo è stato approvato dall’Assemblea alla unanimità.

GITA AD ASTI Il 5 Ottobre 1997
Stare insieme, in serenità, fa bene allo spirito di tutti ed una giornata di distrazione e distensione è quel che ci vuole per amalgamare un gruppo di amici. Con questo spirito Sergio Pettinati ci ha portati ad Asti.
Nel pomeriggio, dopo il pranzo nel rinnomato ristorante LA GROTTA i soci hanno avuto la possibilità di visitare la casa di Vittorio Alfieri e di fare due passi nel centro cittadino
È stata una bellissima gita che ha lasciato tutti soddisfatti.

SORPRESA Il 17 Ottobre 1997
La lettera che ci ha riuniti a Villa Spinola, tra l’altro diceva "…il meeting si svolgerà solo tra noi, ma ci si riserverà una sorpresa." 
Numerosi sono stati gli ospiti, tuttavia durante e subito dopo il convivio tutto si è svolto senza sorprese. Solo dopo il caffè un signore, che fino a quel momento era rimasto al tavolo, tra gli ospiti, è comparso al centro della sala con tanto di mantello e bacchetta ed ha incominciato a presentare spiritosissimi giochi di prestigio.
Abbiamo poi saputo, alla fine, che il signore ospite era il Mago BRIGHT, che significa splendente. D’altra parte il suo vero nome è Lucente.
La serata si è conclusa con applausi prolungati perché l’artista è stato bravo ed ha attirato l’ attenzione di tutti i presenti.

VISITA A PRÀ Il 7 Novembre 1997
La visita alla Fondazione di Religione Opera Giosuè Signori, Istituto San Pietro di Prà, nei primi giorni di novembre, è ormai diventata una consuetudine per il nostro Club. 
Si tratta di un service molto importante, di squisita umanità, che chiede poco: una gita sino a Prà e qualche sorriso, ma lascia tante gioia in chi riceve la visita e in chi la fa.
Come sempre, dopo la Santa Messa, celebrata dal Direttore dell’Opera, Monsignore Giovanni Pedemonte, socio onorario del nostro Club, tutti si sono ritrovati in sala da pranzo con ai tavoli ospiti e soci del Club, per passare insieme il tempo di una cena.
È ormai la cena di sempre, che sempre viene ricordata da coloro che restano con la speranza che l’anno successivo si possa rinnovare.

UN POSTER PER LA PACE 11 Novembre 1997
Si è concluso a New York il concorso "Un poster per la pace" che ha premiato il disegno che maggiormente ha riassunto il concetto di pace nel mondo. Anche quest’anno, per iniziativa del Presidente Pettinati, ratificata subito dopo dal Consiglio Direttivo e seguita anche dal Comitato Services, il Ducale ha deciso di partecipare a questo importante Service e, per realizzarlo, ha chiesto la collaborazione delll’Istituto Champagnat di Genova.
Il Ducale, al termine dei lavori, ha organizzato, presso l’istituto, una piccola cerimonia di premiazione dei tre migliori disegni inviando il primo al Distretto. 
Hanno partecipato, per il nostro Distretto, ben millecinquecento ragazzi e la Giuria ha scelto il disegno di FEDERICA PELIZZA della Scuola Media Statale "ANTON GIULIO BARRILI" seguita dal Club GENOVA BOCCADASSE .

PROBLEMI DEL PORTO 21 Novembre 1997
I Lions devono interessarsi e quindi conoscere i problemi che riguardano la Città dove vivono, e per Genova il Porto è molto importante.
Pettinati ha pensato di portare a conoscenza dei Soci le iniziative in atto per il rilancio del porto ed ha invitato a VillaSpinola il Dr. Gianni Cuttica, Presidente del-l’Associazione degli Spedizionieri di Genova ed il Dr. Antonio Orlando, Amministratore Delegato del Terminal MULTIPOURPOSE.
Gli Oratori, che si sono intrattenuti sul tema: "Genovesi, protagonisti o spettatori del rilancio del porto?", hanno interessato tutto l’uditorio, specialmente per quanto riguarda il periodo post privatizzazione la cui attività dovrebbe riportare il Porto ai vecchi splendori.
Con questa manifestazione il Ducale, come vuole lo scopo del Lionismo, ha preso attivo interesse ad un importante problema civico che riguarda e coinvolge la nostra Genova

LA FESTA DEGLI AUGURI Il 13 Dicembre 1997
È stata la solita festa di Natale con gli addobbi, la cena importante, gli ospiti, la lotteria con i canti, il discorso di Monsignore Pedemonte, ecc. …, ma ogni anno sembra sempre una cosa diversa, come diverse sono state le parole di Monsignore che ci ha parlato del Natale con concetti e parole nuove, che comunque hanno fanno bene allo spirito. 
Subito dopo Pettinati, maestro del coro del Ducale, ha fatto tanto che è riuscito a trovare la vecchia "Cansun de Natale" che è stata cantata in genovese, in aggiunta ai tradizionali canti natalizi.
Non sono mancati i doni, frutto della usuale lotteria e le ormai ben note buste che, arrivate agli interessati anoressiche, sono state restituite, dopo la benefica cura, paffutelle.
Il Presidente ha chiuso la serata con un saluto augurale seguito dal solito sonoro colpo di campana.

ASSEMBLEA DI METÀ ANNO Il 9 Gennaio 1998
L’assemblea è stata convocata al Green Buffet con un ordine del giorno sviluppato dal Presidente circa l’esame retrospettivo dell’attività svolta dal Club nella prima parte dell’anno lionistico.
Successivamente l’Assemblea ha approvato il service alla Banca degli Occhi ed ha preso atto dello stato  dei services in corso ed in particolare dei lavori di ristrutturazione della cappella delle Suore di Madre Teresa di Calcutta

.IL PENSIERO DI UN ESPERTO Il 23 Gennaio 1998
Il Prof. Lorenzo Caselli, Preside della Facoltà di Economia all’Università di Genova ha trattato a Villa Spinola, in intermeeting con il Lions Club Valle Scrivia, il tema di attualità: "L’Europa, casa comune"
Dopo aver ricordato i fatti che si sono succeduti dall’idea di De Gasperi fino al giungere di Mastritch, il Professore ha commentato le varie problematiche derivanti dall’unione di Paesi tanto diversi nelle economie e nelle abitudini.
Ha poi rilevato la disorganizzazione che investe il problema della immigrazione ed ha parlato del Mediterraneo del sud e della sua futura espansione.
 Infine ha illustrato la moneta unica, l’EURO il cui cambio, quando sarà fissato, non subirà 
fluttuazioni ed ha evidenziato i vari pericoli che l’Italia dovrebbe affrontare nel caso in cui non dovesse entrare nell’unione con i primi dieci stati.
L’esposizione del Prof. Caselli è stata interessantissima sia per l’argomento trattato sia per la chiarezza e semplicità con le quali è stato esposto.Era presente anche il Vice Governatore, Giorgio Grazzi. 

TEMPO DI CARNEVALE Il 13 Febbraio 1998
Il Presidente ha ritenuto di festeggiare la ricorrenza dedicando la serata a San Valentino
È così che ha organizzato un incontro, in intermeeting con il Club GENOVA LE CARAVELLE e GENOVA I FORTI, presso il ristorante "Vittorio al Mare" a Boccadasse.
La serata, bene organizzata dal Presidente, ha riscosso vivo apprezzamento soprattutto perchè ha favorito la maggior conoscenza con soci di altri Clubs.

UN COMICO TRA I LIONS 6 Marzo 1998
Il Presidente Pettinati ha voluto organizzare un meeting in allegria e spensieratezza alternandolo a quelli in cui i temi sono più tecnici e complessi.
Ha pensato quindi di invitare, a villa Spinola, il cabarettista genovese ROBY CARLETTA che ha intrattenuto i presenti sul seguente argomento: "Itinerario comico informale nel mondo della risata" ed ha presentato il suo libro "Ridiamoci giù". E i presenti hanno riso. È stata una serata diversa dalle altre che ha favorito il sorriso ed il buonumore.

ASSEMBLEA ELETTORALE Il 13 Marzo 1998
L’amico Pettinati ha convocato l’assemblea a Villa Spinola e, dopo la cena, sono iniziate le operazioni elettorali. 
A presiedere il Club per l’anno lionistico 1998 – 1999 è stato chiamato l’amico Gianfranco Grimaldi che, al termine della serata, ha pronunciato il suo primo discorso.
L’incontro è terminato con un brindisi augurale per il futuro Presidente e per il suo Consiglio.

A BORGO FORNARI Il 20 Marzo 1998
Il nostro Club ha, in questa circostanza, restituito la visita che il Lions Club Valle Scrivia ci aveva fatto in occasione dell’intermeeting del 23 Gennaio 1998.
Il Ducale si è quindi recato a Borgo Fornari, presso il Ristorante "Il Toscano". Sono stati ospiti della serata i fratelli Agostino e Franco Origone, vignettisti del Secolo XIX che hanno piacevolmente intrattenuti i presenti alla lavagna luminosa.
Il ricavato di una lotteria circoscritta ai soli partecipanti soci, è stato devoluto a favore del service "Scheda oculistica pediatrica".

UN GRANDE VUOTO NEL CLUB Il 24 Marzo 1998
Dopo tre interventi in pochissimo tempo, circa dieci giorni, per appendicite, aneurisma addominale e successive complicazioni è deceduto, attorno alle 21 del 24 Marzo 1998 all’Ospedale Galliera, il nostro Socio Onorario Monsignore Giovanni Pedemonte.
È stato un sacerdote curiale importante e su di lui ricadevano incarichi di notevole responsabilità.
Curava, infatti, i servizi liturgici in Cattedrale, della quale era stato nominato Canonico; era Direttore dell’Ufficio per il Culto Divino e la disciplina dei Sacramenti; era responsabile della pastorale sanitaria, Prefetto della Chiesa Metropolitana, Direttore della Fondazione di Religione Opera Giosuè Signori ed Assistente Regionale dell’azione Cattolica.
Era stato nominato Prelato d’Onore di Sua Santità.
La mattina del 27 Marzo la Cattedrale di San Lorenzo era gremita in ogni posto da tante persone che erano venute a porgere, al sacerdote, l’ultimo saluto.
È stata celebrata la Santa Messa esequiale presieduta dal Cardinale Dionigi Tettamanzi; sette vescovi hanno concelebrato insieme a numeroso Clero della Liguria.
Nella sua commossa omelia il Cardinale ha, tra l’altro, ricordato le ultime frasi dettegli da Monsignore morente: "Se il Signore mi chiama, io sono pronto. Offro la mia vita per la Chiesa, per il Papa, per il mio Arcivescovo."

INAUGURAZIONE DEL SERVICE PRINCIPALE
Il 27 MARZO 1998
Alle ore19 del 27 marzo, è stata inaugurata la Piccola Chiesa, ristrutturata dal Ducale, facente parte della "Casa di Prima Accoglienza" delle Suore dell’Ordine di Madre Teresa di Calcutta, in Prà.
In quella occasione il Vescovo Ausiliare Monsignore Alberto Tanasini ha celebrato la Santa Messa e ha benedetto la cappella restaurata.
La cerimonia si è conclusa con una cena, in parrocchia, offerta da Don Giorgio, che, al termine ha omaggiato i presenti con il famoso basilico di  Prà. 

LA CHARTER AL SUO PRIMO LUSTRO Il 4 APRILE 1998
Una delibera di Assemblea ha stabilito che al compiersi di ogni lustro dalla fondazione, la Charter debba essere celebrata a Palazzo Ducale, nella sala del Minor Consiglio dove, il 4 Aprile 1993, è stata consegnata la Carta di Fondazione del nostro Club.
Dunque, puntualmente, il 4 Aprile 1998 la sala del Minor Consiglio di Palazzo Ducale era pronta per accogliere i soci fondatori, i soci che sono entrati dopo la fondazione, gli Officers di allora e quelli di oggi.
C’era tanta gente e dal primo colpo d’occhio si godeva la bellezza di quella sala e degli addobbi floreali, recanti gli stessi colori del nostro Club, che mani esperte, con fine lavoro di fantasia e di buon gusto, hanno saputo disporre e presentare alla vista dei partecipanti.
Grazie, per questo, ad Emy Venturino ed a chi le ha dato una mano
È facile raccontare la cronaca di quella sera, a partire dalla presentazione della serata da parte del Cerimoniere Distrettuale e dire della esecuzione degli inni nazionali .
È facile raccontare la lettura degli scopi del Lionismo, la consegna del premio cento per cento al Past President Aldo Teso, la consegna degli chevron di anzianità, a Vincenzo Di Bella per i 35 anni, a Tullio Pitto per i 20, a Gianfranco Grimaldi, a Federico Pescetto ed a Sergio Pettinati per i 10.
È facile raccontare la lettura del Codice di Onore prima della consegna dei distintivi a quattro nuovi soci, Alfio Di Bella, Guido Manara, Giancarlo Soave e Giancarlo Zanetti, gli auguri del Governatore, l’ottimo convivio, la consegna di quattro MELVIN JONES’S FELLOW agli amici Vincenzo Di Bella, ad Andrea Bruni, ad Audace Giulietti ed a Riccardo Venturino.
Così e come è facile raccontare dell’intervento del Presidente che riassume i cinque anni di vita del Club e la sua attività in questo periodo, delle parole di compiacimento del Governatore, dello scambio di guidoncini e fiori e del colpo di campana con il quale il Presidente ha chiuso la serata.
È facilissimo raccontare tutto ciò, ma non è altrettanto facile, anzi diventa difficile, cercare di descrivere l’atmosfera che per tutta la sera ha regnato in quella sala.
È difficile se non impossibile descrivere ciò che traspariva dai volti di ciascuno di noi mano a mano che si svolgevano gli accadimenti.
È difficile dire delle occhiate di soddisfazione che dall’uno passavano agli altri e che volevan dire che tutto andava per il meglio.
È difficile descrivere la benevola sorpresa che si leggeva in coloro che per la prima volta partecipavano ad una tal cerimonia così semplice e nello stesso tempo solenne per tutto ciò che rappresentava.
È impossibile dire ciò che provavano in quei momenti tutti coloro che cinque anni prima avevano vinto per le loro convinzioni, per la loro solidarietà, per il loro desiderio di giustizia che sempre li ha tenuti uniti in un solo insieme.
Evidente è risultato l’appagamento del Presidente Pettinati nel momento in cui ha colpito la campana per il tocco finale; appagamento ben meritato per la precisa organizzazione da lui predisposta e diretta.
Si tratta di un avvenimento che resterà sicuramente nel ricordo di coloro che vi hanno partecipato, anche perché lo stesso avvenimento di cinque anni prima è stato la dimostrazione che un buon modo di fare il bene è la ferma convinzione di combattere il male.

UN ARGOMENTO PARTICOLARE Il 24 Aprile 1998
Un avvenimento che ha fatto parlare diversi giornali, sia prima che dopo, forse perché uno degli oratori, Enzo Redivo fa di mestiere il giornalista. L’altro oratore, Giorgio Sola è, invece, un docente di dottrina politica. Essi hanno parlato dei "Vampiri".
I due oratori, avvicendandosi, hanno intrattenuto gli intervenuti sui personaggi "fantastici" della storia e della leggenda, dal conte Dracula, l’impalatore, all’omonimo personaggio del libro scritto nel 1898 da Bram Stoker, il divulgatore del mito del noto vampiro.Alla serata hanno chiesto di assistere, dopo il convivio, un gruppo di persone estranee che avevano appreso la notizia dai giornali. 

LA LIRICA A FAVORE DEI BISOGNOSI Il 15 Maggio 1998
Si tratta della "UNA ROSA PER GENOVA", la manifestazione lirica, che giunta alla sua sesta edizione, può considerarsi un service distrettuale.
L’impegno, la costanza e l’entusiasmo di alcuni Lions, e tra essi il tenore UGO BENELLI, hanno fatto sì che Genova, con l’aiuto del suo Carlo Felice, si ricordi ogni anno di aiutare il prossimo, usando la "LIRICA", chiamando a raccolta numerosi cantanti lirici di risonanza internazionale.
Anche quest’anno, come per i precedenti, sono state consegnate due borse di studio a due voci nuove che hanno partecipato allo spettacolo.Il ricavato è stato devoluto alla scuola Lions di Limbiate per cani guida destinati a non vedenti ed alla casa di accoglienza genovese "CILLA".

VILLA HAMBURY Il 17 Maggio 1998
Il Presidente Pettinati, con perfetta organizzazione, ha portato il Ducale nella splendida cornice della riviera di ponente. Meta della visita e' stata l'incantevole Villa Hambury, da poco ristrutturata nei suoi giardini.
Al termine della visita i soci si sono recati ad Ospedaletti per il pranzo presso il ristorante "Il Cantuccio".
Nel pomeriggio, assistiti da un caldo sole, passeggiata lungo la spiaggia e rientro in serata a Genova. Grande divertimento e grande soddisfazione per una giornata trascorsa in amicizia e distensione.

IL CONTRIBUTO DELLE SIGNORE Il 22 Maggio 1998
Il Presidente, nella stesura del programma, aveva riservato una serata da mettere a disposizione delle Signore affinché le stesse organizzassero un trattenimento il cui ricavato fosse da loro destinato in beneficenza.
E le Signore hanno accettato di buon grado.Hanno scelto un copione divertente, lo hanno studiato nel massimo segreto, sacrificando tempo e denaro anche per i costumi e poi, a Villa Spinola, lo hanno portato in scena.
S’è trattato di una pantomima chiamata "BRUTTIFUL" che consisteva in giochi ed intrallazzi tra due famiglie genovesi per arrivare a certi sponsali "interessati".
Risate a non finire, anche e soprattutto per le magnifiche interpretazioni e per i costumi scelti con maestria e perfettamente aderenti ai personaggi rappresentati.
Alla commedia hanno prestato la loro " arte " le Signore:Laura Benvenuti, Clara Bruni, Flo  Cabassi, Daniela Grimaldi, Rosella Montagnani, Anna Poggi, Marina Toso, Emi Venturino e Franca Zanetti. 
Dire brave non serve a nulla perché tutti hanno constatato che sono state superlative, ma ciò che deve essere evidenziato è lo spirito di sacrificio con il quale tutte si sono preparate a questo lavoro con il duplice scopo di intrattenere piacevolmente gli astanti e di aiutare contemporaneamente il prossimo.
Il CLUB idealmente ripete, per ognuna di loro, il caloroso applauso con tanta gratitudine.

LA GITA DI FINE ANNO Dal 4 al 7 Giugno 1998
Organizzata con la massima cura, la gita di fi ne anno ha avuto per mete Ravenna, Ferrara e paesi limitrofi . È stata chiamata dal Presidente Pettinati "la quattro stagioni romagnola".
"Raccolti" i partecipanti a Genova e poi a Pegli, su un ottimo torpedone, la mattina del 4 Giugno siamo partiti alla volta di Marina di Ravenna. Dopo il pranzo visita a Ravenna ed ai suoi monumenti magnifici.Il giorno dopo abbiamo visitato Comacchio e poi abbiamo proseguito per Goro. 
Dopo il pranzo ci siamo trasferiti a Gorino dove ci siamo imbarcati sulla motonave che ha fatto una magnifica ed indimenticabile escursione nel delta del Po.
Il 6 mattina siamo partiti per Ferrara dove ci siamo sistemati in albergo e nel pomeriggio, con un’ottima guida, abbiamo visitato le Valli dell’Argenta ed il Parco delle Oasi.
Il sette giugno è stato il giorno del rientro dopo la visita di Ferrara ed il pranzo in un ristorante del luogo.
È stata una gita ben calibrata, distensiva e senza problemi.

ASSEMBLEA DI CHIUSURA Il 18 Giugno 1998
L’assemblea è stata convocata al Ristorante "LA KAMBUSA" e, dopo la cena, il Presidente, riassunta l’attività del Club con i suoi services, ha rivolto un pensiero a Mons. Pedemonte ed ha letto alcune righe, denominate "IN MEMORIA", pervenute dalla sede Centrale U.S.A.
L’Assemblea, sentita la esposizione del Tesoriere, ha poi approvato il bilancio consuntivo, dopodiché il Presidente Pettinati ha consegnato alle nuove cariche i relativi distintivi per l’anno lionistico venturo.La serata si è conclusa con un brindisi al nuovo Presidente Grimaldi che ha ringraziato con un breve intervento.

A CASELLA IL "BUONE VACANZE" Il 21 Giugno 1998
È stato l’ultimo incontro conviviale dell’anno Lionistico 97/98.
Abbiamo passato una bellissima giornata di prima estate in campagna, dal ristorante Caterina, e ci siamo scambiati l’augurio di buone vacanze in un clima di cordiale serenità, pronti a ricominciare tra qualche mese.