Lions Club Genova Ducale
   
   


Dipinto su tela
"Magia del sole"
di Elettra Spalla Pizzorno

Il motto :
Determinazione per Riuscire...

Allegorie delle Liguria e della Vigilanza di Pietro Bonaccorsi, detto Perino Del Vaga.
Restauro ad opera del Lions Club Genova Ducale


L'OTTAVO  ANNO 2000/2001



Presidente Fausto Giulietti
Governatore Pier Alberto Manuelli

Past. President Zanetti Roberto
V. Presidente Lijoi Antonio
Segretario Pettinati Sergio
Tesoriere Pedemonte Gaetano
Cerimoniere Teso Aldo
Censore Sacchi Ettore
Consigliere Bruni Andrea
 Consigliere Poggi Guido
 Consigliere Zanetti Giancarlo
 Consigliere Montagnani Marco

IL SERVICE
Avere da buoni mecenati per dare alla comunità.Questa è stata l’idea del presidente Fausto Giulietti per realizzare un Service importante, mediante l’aiuto un gruppo composto da sedici sponsor, evitando così i normali problemi finanziari.
All’Accademia Ligustica di Belle Arti di Genova esistevano due opere, Allegorie delle Liguria e della Vigilanza, di Pietro Bonaccorsi, detto Perino Del Vaga, pittore toscano del 1500.
Tali opere meritavano di essere restaurate per la loro importanza storica e perchè, come ha scritto il Dott. Gianfranco Bruno, direttore dell’Accadenia Ligustica ", rappresentano un punto di forza del museo dell’Accademia.".
Ed il restauro ha permesso la collocazione dei due cartoni alla Mostra Internazionale, allestita a Mantova nella primavera del 2001 e chiamata: "Perino Del Vaga tra Raffaello e Michelangelo ".
La mostra è stata allestita e curata dalla Professoressa Elena Parma che ha coordinato tutte le componenti interessate al recupero artistico delle due opere.
Il restauro è stato poi coronato da una elegante pubblicazione dal titolo "RESTAURO ALLEGORIE LIGURIA E VIGILANZA DI PERINO DEL VAGA ". 
Il libro descrive l’opera di restauro, illustra la figura di Perino Del Vaga e riporta, in chiusura, i nomi degli sponsor.

ASSEMBLEA DI APERTURA Il 15 Settembre 2000
L’Assemblea è stata riunita presso il Ristorante Trude e, dopo il convivio, è iniziato lo svolgimento dell’ordine del giorno. È stato distribuito un fascicolo contenente la composizione del Consiglio e dell’Organo di controllo, l’elenco dei soci al 31 luglio 2000, la composizione dei Comitati, il programma di massima per l’anno 2000/2001 e la copia del bilancio di previsione.
Il Presidente ha illustrato il calendario delle attività ed il programma della gita fuori porta, si è trattenuto sul service dell’anno che consiste nel restauro delle due opere sopra descritte. 
Ha proposto l’aumento della quota annuale per ciascun socio a £ 1.400.000 ed ha proposto di fissare quella dei soci vitalizi in £ 700.000 (le due proposte sono state approvate).
Il Tesoriere, l’amico Pedemonte, ha fatto la sua relazione sul bilancio preventivo che è stato approvato all' unanimità.
L’Assemblea, a sensi dell’art.9 dello Statuto, ha nominato il terzo componente del Comitato soci nella persona di Riccardo Venturino.
L’Assemblea ha poi approvato il passaggio richiesto dall’amico Italo Torselli tra i soci vitalizi.
Prima di chiudere il Presidente ha prospettato l’opportunità che la gita di fine anno si svolga, per tre giorni, a Mantova che è la sede della mostra dedicata a Perino del Vaga. L’Assemblea ha approvato.

GITA FUORI PORTA Il primo Ottobre 2000
Il Presidente Giulietti ha organizzato la gita nel confinante Piemonte e precisamente a Marengo dove, appena giunti il Ducale ha potuto visitare, accompagnati da una guida, il Castello ed il Museo Napoleonico.
 La mattinata si è conclusa con la Messa nella Cattedrale di Alessandria.
A Fubine Monferrato, che si trova tra Alessandria ed Asti, il Club si è fermato a pranzo presso il ristorante "Ai due Olmi" dove un tipico pranzo piemontese ha allietato i palati più esigenti. 
Nel pomeriggio il Club si è recato ad Asti per una visita guidata al centro storico. Nella tarda serata il Club è tornato a Genova.
È stata una delle tante occasioni per passare una giornata serena tra amici, anche se quel giorno, l’abbiamo saputo dopo, è stato l’ultimo che ci ha permesso di vedere Riccardo Venturino tra noi.

OMEOPATIA Il 13 Ottobre 2000
Si afferma che l’omeopatia sia una dottrina medica elaborata agli inizi dell’ottocento, in aperta contestazione della medicina tradizionale.Se ne è parlato, in un meeting convocato, dal Presidente Giulietti, all’Hotel Jolly-Plaza.
Era presente il Vice Governatore Vito Drago.Conferenziere della serata è stato il Prof. Walter Fabbro che ha trattato il tema:"Omeopatia - non solo medicina ma stile di vita". 
La conferenza è stata molto interessante ed ha coinvolto alcuni dei presenti che hanno posto domande di vario tipo alle quali il Prof. Fabbro ha puntualmente risposto.

PERINO DEL VAGA Il 27 Ottobre 2000
Il meeting è stato convocato, dal presidente, all’Hotel Jolly-Plaza, alle ore 20,30.In quella occasione la Professoressa Elena Parma, docente di Storia dell’Arte nell’Ateneo di Genova, ha narrato dell’attività e delle opere di Perino del Vaga alla Corte di Andrea Doria, in Genova nel Palazzo del Principe, sviluppando il tema "Perino del Vaga tra Raffaello e Michelangelo, Perino a Genova, alla corte di Andrea Doria". 
La Professoressa Parma ha raccontato che Piero Bonaccorsi, detto Perino del Vaga, nacque a Firenze nel 1501 e morì, 46 anni dopo, a Roma. 
Di quei 46 anni, Perino del Vaga, nove li passò a Genova, dal 1528 al 1537, come s’è detto, nel palazzo del Principe. 
Secondo la Prof.ssa Parma, il virtuosismo di Perino, la sua versatilità e la capacità di impegnarsi a fondo sia nella piccola sia nella vasta dimensione, lo portarono ad essere un artista globale che lasciò ricche testimonianze.La conferenza è stata supportata da una serie di diapositive che sono state l’illustrazione di una impronta artistica che non si cancellerà mai.

 UNA MANO NELLA MANO A PRÀ Il 10 Novembre 2000
Era ormai diventato un uso consolidato: ai primi di novembre di ogni anno, il Ducale dedica un meeting alle ospiti della Fondazione di Religione Opera Giosuè Signori. Anche quest’anno, alle 18,30, il Club si è recato a Prà per assistere alla Messa celebrata da Don Gianni Zamiti, Direttore dell’Opera. Sicuramente, durante il Rito, anche se non ce lo siamo detto, ciascuno di noi ha rivolto un pensiero al Signore per la salute di Riccardo Venturino.
Poi, finita la Santa Messa, come solito, ci siamo uniti alle ospiti nella sala preparata per la cena.
La parola del Presidente ed il ringraziamento di Don Zamiti hanno posto in risalto quanto sia importante questo rapporto che lega, ormai da tempo, le ospiti con il nostro Club. 
Si è così rinnovata, ancora una volta, quella meritevole abitudine della mano forte che tiene la mano debole, dandole, almeno per quel momento: gioia, serenità, sicurezza e fiducia nell’avvenire.
In allora non sapevamo che, per un volere imperscrutabile, un volere, cioè, che non è dato comprendere perché ancor oggi sfugge alla capacità di analisi critica, quello che vivevamo in quel momento sarebbe stato il nostro ultimo incontro con queste Creature di Dio.

VOLARE SUL PORTO Il 24 Novembre 2000
Il Presidente Giulietti ha voluto organizzare un intermeeting, con il Club "Genova Le Caravelle", al Jolly Hotel Plaza, per trattare un argomento di massima attualità e che riguarda un importante problema per la città di Genova. È stato chiamato quale oratore l’Architetto Alessandro Casareto che ha trattato il tema: "Volare sul porto, Genova vista dal mare".
 L’Architetto Casareto, che è anche il Presidente de "A Compagna", è stato l’autore del progetto del ponte destinato a "cavalcare "il porto, in alternativa al tunnel sottomarino ed al mantenimento della sopraelevata.
L’oratore ha illustrato brillantemente i motivi, con i relativi vantaggi, che fanno propendere per la scelta del ponte rispetto al tunnel. Erano presenti Autorità del Comune, della Provincia e della Regione e molti giornalisti di autorevoli testate che hanno dato vita ad un interessante dibattito.
Durante la conferenza l’Architetto ha eseguito una serie di schizzi che hanno accompagnato, illustrandola, la esposizione orale; schizzi che sono stati poi distribuiti ad alcuni dei presenti.
La serata è stata piacevole e molto interessante è stato l’argomento trattato.

GLI AUGURI DI NATALE Il 16 Dicembre 2000
È Natale, mancano pochi giorni alla Santa festività,, e ci siamo trovati a Villa Spinola per scambiarci gli auguri. 
Non è stata, e non poteva essere, la festa di sempre.Qualcuno mancava per un motivo gravissimo e noi sentivamo quella mancanza.
Tuttavia la serata è trascorsa come poteva trascorrere, in una atmosfera di apparente serenità, con le parole augurali del Presidente ed il ricordo del Natale pronunciato da Don Gianni Zamiti, Direttore Dell’Opera Giosuè Signori.
La serata si è conclusa con la lotteria i cui premi in palio, come solito, sono stati procurati dai soci.
Le buste di Natale hanno contribuito alla raccolta dei fondi necessari alla realizzazione dei Service del Club.

ASSEMBLEA DI METÀ ANNO Il 12 Gennaio 2001
È stata convocata, dal Presidente Giulietti, a Villa Spinola, ed e stata regolata da un dosato ordine del giorno.
Il Presidente ha illustrato il programma relativo alla gita annuale; programma già consegnato a ciascun socio, ed ha informato su tempi e costi relativi.
Per ciò che concerne i vari Services, il Presidente ha informato sullo stato dei restauri delle due pale di Perino del Vaga ed ha riferito sulle elargizioni effettuate in occasione del Natale.
A tal proposito il Presidente ha ringraziato gli amici Torselli e Brighenti per l’impegno dagli stessi profuso nella gestione della beneficenza.
Infine, il Presidente, prima di dare la parola al Tesoriere, visto lo stato di salute del carissimo Riccardo Venturino e considerato lo stato d’animo di tutti i soci, ha proposto di sopprimere la Festa di Carnevale.
 Il Presidente ha avuto il consenso di tutti. Il Tesoriere, l’amico Pedemonte, ha poi letto ed illustrato la situazione finanziaria del club aggiornata a quella data.
Dopo discussione, non è stato risolto il problema dell’ammissione di soci donne in quanto è stato rinviato allo studio del Consiglio..Il Presidente ha chiuso la riunione alle ore 24,15.

RICCARDO VENTURINO Il 19 Gennaio 2001
In questo giorno Riccardo Venturino ci ha lasciati.
Lo ha ricordato il Presidente in una lettera inviata a tutti i soci il 22 Gennaio, comunicando, tra l’altro, che la Sua memoria "sarà onorata, annullando la festa di Carnevale...".
In ricordo di Riccardo, da quella lettera è giusto stralciare il primo paragrafo:"Riccardo Venturino se ne è andato; resta il Suo ricordo e tutto quello che Egli ci ha dato durante il tempo che è rimasto con noi. Inutile cercare parole di circostanza che per Lui non è facile trovare, e che comunque resterebbero sempre e solo parole; basta dire che Egli, con il Suo entusiasmo, con la Sua esuberanza e soprattutto con il Suo altruismo è sempre stato, per noi, un importante punto di riferimento."

SINDONE E SCIENZA Il 17 Febbraio 2001
Questo meeting era previsto, nel programma iniziale, ed già era stato convocato, per il giorno 26
Gennaio, mentre per il 17 Febbraio il calendario indicava la Festa di Carnevale. Come è stato detto, il Presidente, con la certezza di avere il consenso di tutti, ha pensato di onorare la memoria di Riccardo Venturino, annullando la festa di Carnevale e spostando la conferenza sulla Sindone, al 17 Febbraio.Con lettera dello stesso Presidente, il meeting è stato riconvocato per il 17 Febbraio all’Hotel Jol-ly Plaza.
 Conferenziere della serata È stato il Prof. Bruno Barberis, Professore Associato di Meccanica Razionale presso la Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell’Università di Torino, nonché Presidente della Confraternita del Santissimo Sudario e del Centro Internazionale di Sindologia, che ha trattato il tema: "Sindone e Scienza: bilanci e programmi alle soglie del III millennio". 
L’argomento, che è stato trattato dal punto di vista medico – scientifico, ha interessato l’uditorio che ha rivolto al conferenziere numerose domande.

GASTRONOMIA Il 9 Marzo 2001
Questa volta la teoria si é unita alla pratica. S’è trattato di un intermeeting con gli amici del Lion Club Genova Boccadasse, che con il nostro Club si sono riuniti a Recco presso il Ristorante Manuelina, e dove il Lion giornalista Paolo Lingua ha intrattenuto i presenti sull’argomento: "Cultura della gastronomia in Liguria".
Inutile dire che il luogo in cui si è svolta la manifestazione, l’argomento trattato, l’oratoria di Lingua e le gambe sotto il tavolo imbandito, hanno entusiasmato tutti i convenuti.

ASSEMBLEA ELETTORALE Il 23 Marzo 2001
È stata convocata a Villa Spinola ed i lavori, così come le operazioni elettorali, si sono svolti in un clima di cordialità e serenità ed il Consiglio Direttivo, per l’anno 2001/2002 è stato eletto l’amico Antonio Lijoi che ha ricevuto da tutti i soci i migliori auguri per un proficuo anno lionistico.

SPORT PER DARE Il 24 Marzo 2001
Alla Palestra Comunale di Via Cagliari: l’idea è nata dal Genova Portoria .
Lo scopo dare una mano agli alluvionati imperiesi. Lo sport il basket.
 I protagonisti "due dinamici gruppi di professionisti ultracinquantenni, dotati di notevoli capacità atletiche..." ,e tra questi il nostro Alberto Cabassi. Il nostro Club ha aderito alla manifestazione acquistando 50 biglietti.

LA CHARTER ED IL GOVERNATORE Il 27 Aprile 2001
La Charter, con la visita del Governatore, era prevista nel programma iniziale per il giorno 7 aprile, ma per imprevisti improrogabili impegni dello stesso Governatore, l’amico Piero Manuelli, è stata traslata al 27 aprile a Villa Spinola.Prima della cena, come di consueto, il Governatore ha partecipato al Consiglio del Club e quindi si è riunito a tutti gli altri soci ed ha partecipato al convivio.
Durante la cerimonia sono stati consegnati gli Chevron di anzianità agli amici Baldizzone e Centonze per i 25 anni e a Del Bianco per i 10 anni.
La nostra compagine sociale, in quel giorno, è aumentata di due unità. Infatti sono stati ammessi: il Dr. Fernando D’Angelo e l’Ing: Emilio Narizzano, quest’ultimo proveniente dal  Lions Club Genova San Giorgio.
Il nostro Presidente, con i suoi officers, sono stati degli ottimi "maestri di casa" per cui la Charter, anche quest’anno, è stata impeccabile.
Il Governatore, ha chiuso la manifestazione, esprimendo il suo compiacimento per l’opera svolta dal Ducale.Il colpo di campana del Presidente ha tolto la seduta.

LE CAVE DI ARDESIA Il 6 Maggio 2001
Per la Domenica 6 Maggio il calendario prevedeva la seconda "gita fuori porta".
 Il Club, con una organizzazione perfetta posta in essere dagli amici Poggi e Ricci, si è recato in Val Fontanabuona e più precisamente a Isola di Orero dove sono state visitate le cave di ardesia sotterranee illuminate in modo singolare ed suggestivo.
 L’amico Roberto Ricci ci ha fatto una graditissima sorpresa facendoci trovare, a mezza mattinata, focaccia e vino bianco. Il Club si è poi spostato a Cicagna dove ha visitato i musei didattici dell’ardesia, e dove ha potuto ammirare la Torre Campanaria del XI secolo.
In prosecuzione, a Chiapparino, È stato visitato l’antico opificio dove si lavorava l’ardesia.
Con un breve spostamento, in tarda mattinata, il Ducale si è recato a Colombano Certenoli, al Ristorante Torre, dove un menu tipicamente genovese ha rifocillato i partecipanti.

IL SERVICE RESTAURO Il 18 Maggio 2001
A Villa Spinola erano presenti il Governatore Piero Manuelli con la gentile Signora, la Prof.ssa Elena Parma, che ha coordinato il Service, e la Prof.ssa Alice Ferroni, che ha eseguito il restauro, quasi tutti gli sponsor, Autorità e giornalisti.
Il Presidente ha reso noto il completamento del Service principale dell’anno e ha informato i presenti dell’avvenuta l’esposizione delle due opere restaurate in una mostra internazionale, curata dalla Prof.ssa Elena Parma, a Mantova. 
La mostra, aperta fino al 10 giugno, raccoglie180 opere di Perino del Vaga, provenienti da musei di tutto il mondo. Senza il restauro, eseguito e curato dal Ducale, le due opere sarebbero rimaste a Genova, destinate ad un lento, ma inevitabile degrado.
Il Presidente ha poi illustrato il libro, edito dal nostro Club, il cui contenuto è opera della Prof.ssa Parma, e che corona e completa il Service.
Il Presidente ha poi ringraziato l’amico Andrea Bruni che ha curato l’impostazione e la stampa del libro. Una copia dello stesso libro è stata consegnata a ciascuno degli sponsor ed a tutti i soci. Inoltre, una copia è stata inviata a tutti i Presidenti di Club del nostro Distretto, ai Governatori del Multidistretto, a tutte le Autorità Comunali, Provinciali e Regionali ed alle maggiori civiche Biblioteche. 
Infine circa ottanta copie sono state destinate alla Accademia Ligustica delle Belle Arti
La Prof.ssa Parma ha illustrato l’opera di Perino del Vaga, mentre la Prof.ssa Ferroni ha descritto le varie fasi del restauro. Subito dopo, come ormai consuetudine, al Past Presidente, l’amico Roberto Zanetti, è stato cosegnato l’ormai mitico martello presidenziale ed un boccale d’argento, come segno di riconoscenza del Club per la fattiva opera dallo stesso prestata lo scorso anno.
È stata una bella serata che ha coronato un buon lavoro.

GITA A MANTOVA Dal giorno 8 al giorno 10 giugno 2001
Quale felice e naturale conclusione del Service principale, è stata la gita di fine anno a Mantova, luogo nel quale è stata organizzata la mostra internazionale di opere d’arte di Perino del Vaga comprese le due pale restaurate dal Ducale.
È stata una gita che ha visto una grande partecipazione di soci e ospiti.
Il Club è arrivato a Mantova per l’ora di pranzo. Nel pomeriggio Il Club ha visitato lo splendido Palazzo Te e la meravigliosa ed unica mostra, avendo come "Cicerone" la Prof.ssa Parma.
Grande, in quella occasione, è stata la soddisfazione di tutti i soci nel vedere i cartoni restaurati dal Club e nel rendersi conto che quella presenza si era potuta concretizzare solo ed unicamente grazie all’intervento del Ducale. 
Il giorno successivo, alla mattina, i soci si sono imbarcati su una motonave ed hanno effettuato una magnifica gita sul fiume Mincio e sui laghi di Mantova. 
Nel pomeriggio il Club si è recato a Borghetto, un ridente borgo medioevale, caratterizzato dalla presenza di numerosi mulini ad acqua. Siamo rientrati a Mantova per la cena nello storico ristorante "Il Garibaldino".L’ultimo giorno il Club è partito alla volta di Sabbioneta, dove ha visitato la città ideale di Vespasiano Gonzaga con il Palazzo Ducale, il Palazzo Giardino ed il Teatro all’Antica. 
Il Pranzo in un agriturismo, sulla strada tra Mantova e Sabbioneta, è stato l’ultimo appuntamento prima della partenza per Genova.

ASSEMBLEA DI CHIUSURA Il 22 Giugno 2001
Buona parte dei soci sono a Villa Spinola per l’Assemblea di chiusura.
Il Presidente, dopo un pensiero in memoria di Riccardo Venturino, ha fatto un riassunto della attività svolta durante l’anno, e dopo la presentazione dei nuovi soci Enzo Casazza e Piero Picasso, ha ringraziato ad uno ad uno i suoi collaboratori ed ha concluso con i migliori auguri di buon futuro lavoro ad Antonio Lijoi ed al suo Consiglio e con un "buone vacanze" per tutti.
Intanto, con grande sorpresa, quanto piacere, è giunto inaspettato il Governatore, Piero Manuelli, che si trovava in luoghi limitrofi .
Egli ha così assistito all’Assemblea 
Il Tesoriere, l’amico Pedemonte, ha letto ed illustrato il bilancio consuntivo che chiude l’anno e dal quale si rileva un abbondante avanzo di cassa di molto superiore a quanto preventivato all’inizio dell’anno.
 Inutile dire che il bilancio consuntivo, come sopra letto, è stato approvato alla unanimità.
Il Governatore Manuelli, sentita la relazione del Presidente e preso atto dei risultati di bilancio ha dichiarato di voler insignire Fausto Giulietti del riconoscimento lionistico "Lions dell’anno". Il Governatore ha inoltre informato che, al prossimo Congresso Distrettuale, proporrà Fausto Giulietti quale componente effettivo del Collegio dei Revisori del Multi Distretto.
Infine l’Assemblea ha modificato l’art. 6 dello Statuto sociale, laddove stabilisce gli anni di anzianità occorrenti per chiedere il trasferimento tra i soci vitalizi, riducendolo da 25 a 20 anni.
Il tradizionale tocco di campana ha chiuso i lavori e con loro anche l’anno lionistico del Ducale 2000/2001.